SAN GINESIO, TRA ARTE, STORIA E LEGGENDE

L’aria inebriante di uno dei Borghi più Belli d’Italia….. 
San Ginesio, col suo ampio panorama sulla suggestiva terra delle Marche e così ricco di architetture monumentali siede sul Piceno a 700 metri di altitudine di fronte alla catena dei Monti Sibillini.
Un vero “balcone” da dove la voce della Sibilla arriva inebriante congiuntamente alle voci dei tanti illustri e valorosi condottieri. I numerosi reperti archeologici testimoniano che questa bella collina non fu priva di abitanti anche in epoca precristiana. San Ginesio nacque sulle rovine di insediamenti romani distrutti dalle armi dei Goti e Longobardi, l’incastellamento divenne un obbligo per far fronte agli orrendi eccidi. Intorno al X secolo alcuni Signori di questi castelli, durante una partita di caccia divenuta leggendaria, presero la decisione di costruire una fortificazione in cima al colle più alto per dominare la vista sulle pendici al fine di riunire così le loro forze in un luogo adatto alla difesa “..dove vita civile e sicura dal furore ostile vivere potessero..”.

L’antico castello “castrum esculanum”, fattosi grande e potente, prese il nome di San Ginesio, quasi sicuramente dall’immagine del mimo martire romano rappresentata in un affresco di una edicola nella facciata monumentale della Collegiata. E’ certo quindi che San Ginesio si chiamasse così prima del secolo X°, lo si desume dall’Archivio Vaticano in data 1 luglio 995 dove San Ginesio viene così nominato “..in super flumen flussoris in colle esculano..”.I primi Rioni del castello furono tre: Rione Brugiano, Rione Alvaneto, e Rione Trensano, Il quarto Rione successivo fu chiamato CAPOCASTELLO o CAPUT CASTRI, ove fissarono la loro dimora i nobili del nuovo Castello. Nel 1278 a San Ginesio si contavano 27.000 abitanti, tra il Duecento e il Trecento il Comune fu uno dei più potenti e temuti dell’intera Marca di Ancona. Fu grande San Ginesio per i fatti d’arme gloriosamente conclusi contro la famiglia Brunforte e nel sostenere gli innumerevoli attacchi dei fermani, i cui imponenti resti dei conflitti sono rimasti per gran parte intatti. Alla eccezionale potenza militare e politica di San Ginesio seguirono anni di decadenza, le discordie interne portarono la città sotto il governo dei Duchi Da Varano al cui dominio succedette ben presto quello degli Sforza, Duchi di Milano. Il territorio del Comune di San Ginesio con i suoi 77,7 kmq è uno dei più vasti della provincia di Macerata, il centro storico conserva veri e propri monumenti architettonici: la Pieve-Collegiata (1090) ,che custodisce imponenti opere d’arte (dal ‘400 ai primi del ‘900), si erge maestosa come unico capolavoro marchigiano di romanico e gotico-fiorito nella piazza centrale intitolata ad Alberico Gentili (1552/1608), illustre giureconsulto sanginesino alla corte di Elisabetta I d’Inghilterra e padre del diritto internazionale, autore del famoso “De Jure Belli”.

Nella piazza centrale il Teatro “G. Leopardi” è situato nel punto in cui sorgeva l’antico Palazzo Defensorale. Quasi contemporanea alla Collegiata è un’altra splendida chiesa (1050) romanico-gotica, si incontra percorrendo la via Capocastello che conduce al Colle Ascarano, la chiesa di San Francesco che custodisce un favoloso ciclo di affreschi di scuola giottesca; nell’attiguo convento ha oggi sede il municipio. Il Museo civico “S.Gentili” si divide in due sezioni, l’antica e quella moderna, nella prima, situata in una ex chiesa di puro stile romanico, si possono ammirare opere d’arte tra cui spiccano “il matrimonio mistico di Santa Caterina d’Alessandria” del Ghirlandaio e la pala della “Battaglia tra sanginesini e fermani”, icona storica a testimonianza della imponenza politica di San Ginesio nella metà del xv secolo; nella seconda si trovano prestigiosi manoscritti e pergamene da renderlo tra i più ricchi Archivi storici marchigiani.

A otto chilometri dal centro storico, in direzione Macerata, si incontra l’Abbazia Benedettina delle Macchie, una delle quattro erette dai seguaci di San Benedetto in questa fitta e verdeggiante vallata. In direzione opposta, s’imbocca la strada che conduce al monastero di San Liberato fatto erigere tra boschi secolari e ruscelli dai signori di Brunforte nel 1274 per ospitarne le spoglie. Il territorio di San Ginesio è situato all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini in un punto sicuramente nevralgico per un turismo intellettuale e naturalistico. Le Rievocazioni storiche che vengono realizzate soprattutto d’estate, in luglio ed agosto, come la Battaglia della Fornarina (ultima domenica di luglio), il Palio della Pacca (13 agosto), la Giostra dell’Anello ed il Palio (15 agosto), il drappo che ogni anno si aggiudica il Rione vincitore del torneo cavalleresco; qualcosa unisce storicamente San Ginesio alla città di Siena attraverso la rievocazione storica triennale del Ritorno degli Esuli, alla quale partecipa una folta delegazione del Palio di Siena. La stessa storia, che questa volta ci riconduce al nome di San Ginesio, lega la cittadina alla tradizione musicale, il Santo Patrono infatti viene iconograficamente rappresentato con un violino in mano, sia negli affreschi del ‘400 che nei dipinti del ‘600, ecco perché ogni anno l’amministrazione comunale offre un premio ad un violinista che si sia contraddistinto a livello internazionale nel corso dell’anno. Il Santo Patrono viene festeggiato il 25 agosto, è la festa rumorosa e allegra che conclude ogni anno l’estate ginesina.

Il paese, a testimonianza di una perfetta conservazione, vanta marchi di qualità turistico ambientale come la “Bandiera Arancione” rilasciata dal Touring Club Italiano ed è uno dei“Borghi più Belli d’Italia” certificato dall’ANCI …dove il gusto del mangiare sano si è fatto tradizione storica. A San Ginesio si trovano intatte le più genuine tradizioni culinarie: la pasta fatta in casa, i salumi, i formaggi, il pane e i dolci naturali, il vino “San Ginesio doc” sono le specialità del luogo, per non parlare del “Polentone di San Ginesio”, piatto ormai unico nel territorio proprio perché prodotto con farina di mais quarantino quasi introvabile altrove.

Informazioni:
UFFICIO I.A.T.
Via Capocastello, 35 – 62026 San Ginesio (MC)
Telefono e fax: 039.0733.652056
E-mail: info@sanginesio.sinp.net
Internet: www.sanginesio.sinp.net – www.sanginesio.org.
Visitando i nostri siti riceverai tutte le informazioni turistiche, le manifestazioni, gli eventi a San Ginesio e la lista completa delle strutture ricettive per organizzare la tua vacanza.

Qui troverai tutte le informazioni turistiche, i contatti con gli uffici turistici di San Ginesio, la guida di San Ginesio, le manifestazioni e gli eventi a San Ginesio e la lista completa degli Alberghi San Ginesio. Visita questo sito e scopri tutti gli alberghi di San Ginesio per cercare la soluzione che più si adatta a te. La città offre molto: pernotta a San Ginesio in alberghi economici, scegli hotel tre stelle a San Ginesio, oppure coccolati nei più rinomati hotel 4 stelle di San Ginesio.

Lascia un Commento